AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Benvenuto in AvvocatiOttaviano.it


Avvocati del Mandamento di Ottaviano (Na)

(Terzigno - San Giuseppe Ves.no - Ottaviano)

 

Cass. 20307/2014: non sempre il pedone ha ragione.

E-mail Stampa PDF

Il pedone, del tutto inopinatamente, intraprende, a circa 5o metri dal passaggio pedonale, l'attraversamento della strada ponendosi, improvvisamente, davanti al veicolo che procede nel rispetto di tutte le norme dettate in tema in circolazione stradale. Con la sentenza in esame la Corte di Cassazione ha stabilito che in caso di investimento di pedone, la responsabilità del conducente prevista dall'art. 2054 c.c. è esclusa quando risulti provato che non vi era, da parte di quest'ultimo, alcuna possibilità di prevenire l'evento; tale situazione ricorre allorché il pedone abbia tenuto una condotta imprevedibile e anormale, sicché l'automobilista si sia trovato nell'oggettiva impossibilità di avvistarlo e comunque di osservarne tempestivamente i movimenti (Corte di Cassazione, sez. VI Civile - Ordinanza del 25 settembre 2014, n, 20307/14).

Leggi tutto...
 

Cass. 19334/2014. Sorpasso vietato. Il veicolo sorpassato si allarga: nessun concorso di colpa.

E-mail Stampa PDF

Con la ordinanza che segue la Corte di Cassazione non ha riconosciuto alcuna responsabilità al conducente del veicolo che, sorpassato in un tratto di strada in cui il sorpasso era vietato, si era "allargato". Invero, ha sostenuto La S.C.,  la motivazione della decisione impugnata è pienamente idonea a giustificare, sotto il profilo logico - giuridico, l'esclusiva efficienza causale e responsabilità del conducente della Renault, laddove l’(eventuale) "allargamento" della BMW (veicolo sorpassato) - come ricostruito nella stessa decisione - costituisce mera occasione, in quanto rientrante in quei leggeri spostamenti, che vanno previamente valutati, siccome del tutto normali e prevedibili, da chi affronta la manovra di sorpasso (Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 3, ordinanza 12 settembre 2014 n. 19334)

Leggi tutto...
 

Furto di oggetti dall'autovettura. Responsabilità dell'albergatore: esclusione (M. Cuomo)

E-mail Stampa PDF

L'attore ha proposto domanda giudiziale nei confronti dell'albergatore al fine di ottenere il risarcimento dei danni subiti a seguito del furto di valige lasciate nella vettura parcheggiata all'interno della struttura. Il Giudice di Pace con la sentenza che segue ha ritenuto che la inesistenza di un contratto accessorio di parcheggio,  esclude ogni  responsabilità da parte dell'albergatore per i danni subiti  a causa del furto di valige lasciate incautamente nella vettura. Il contratto di parcheggio, che non deve ritenersi a titolo gratuito, accessorio al contratto di albergo,  deve essere provato e non può ritenersi automaticamente collegato al contratto principale (Giudice di Pace di Nola - ex Giudice di Pace di Ottaviano - sentenza del 21.06.2014).

Leggi tutto...
 

Cass. 12060/2014. Azione contro il FGVS: la mancata identificazione del veicolo deve dipendere da impossibilità incolpevole del danneggiato.

E-mail Stampa PDF

In tema di assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli o dei natanti, incombe sul danneggiato, che promuova richiesta di risarcimento dei danni nei confronti del Fondo di Garanzia, l’onere di provare, oltre che il sinistro si è verificato per la condotta dolosa o colposa di altro veicolo o natante, anche che il conducente sia rimasto sconosciuto. All’uopo, è richiesta la prova, non solo che il sinistro vi sia effettivamente stato ad opera di veicolo sconosciuto, ma anche che la non identificazione dello stesso sia dipesa da impossibilità incolpevole del danneggiato. E' escluso, a riguardo, ogni automatismo derivante dalla presenza-assenza della denuncia/querela e nel non imporre al danneggiato l’onere di ulteriori indagini articolate e complesse, non essendo richiesto alla vittima di mantenere un comportamento di non comune diligenza, avuto riguardo alle sue condizioni psicofisiche e alle circostanze del caso concreto (Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza del 29 maggio 2014 n. 12060/14).

Leggi tutto...
 

Decreto Legge 12/09/2014 n.132: Riforma Giustizia

E-mail Stampa PDF

 

Decreto-Legge 12 settembre 2014, n. 132 -  G.U. n. 212 del 12 settembre 2014

Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile.

 

Leggi tutto...
 


Pagina 1 di 68
Totale Visite Sito : 3668059


Giudice di Pace

Eventi Formativi

<<  Ott 2014  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Un brocardo al giorno...

Culpa in committendo, in vigilando.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione