AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Benvenuto in AvvocatiOttaviano.it


Avvocati del Mandamento di Ottaviano (Na)

(Terzigno - San Giuseppe Ves.no - Ottaviano)

 

Tribunale di Torino: Tutela previdenziale ai giudici onorari.

E-mail Stampa PDF

A seguito del ricorso proposto di dieci di vice procuratori onorari in servizio da diversi anni presso la Procura della Repubblica di Torino, il Tribunale di Torino, Quinta Sezione Lavoro, con la sentenza che segue, ha stabilito che anche i giudici onorari hanno diritto alla tutela previdenziale e, pertanto, ha  condannato  l’INPS a iscrivere i ricorrenti alla gestione separata di cui all’art.2, comma 26, L.335/95 dal 17.4.13 ed  il Ministero della Giustizia a corrispondere il contributo previdenziale dovuto nella misura di legge (Tribunale di Torino - sentenza del 07.07.2014 - Fonte Unimo.eu).

Leggi tutto...
 

Atto notificato a persona giuridica: illegittima l'emissione della C.A.N. (M. Cuomo).

E-mail Stampa PDF

L'attore agisce in giudizio al fine di ottenere la restituzione della somma di euro 2,80, illegittimamente richiesta dalla spa POSTE ITALIANE, per la emissione della C.A.N., a seguito di  notifica di atto destinato a persona giuridica. Il Giudice di Pace, con la sentenza che segue ha ritenuto, che l’ultimo comma all’art. 7 della L. 20.11.1982 n. 890 che dispone: "Se il piego non viene consegnato personalmente al destinatario dell’atto, l’agente postale dà notizia al destinatario medesimo della notificazione dell’atto a mezzo di lettera raccomandata", deve coordinarsi con la disposizione dell’art 145 CPC secondo il quale la notificazione di un atto diretto a persona giuridica si compie con la "consegna di copia dell’atto al rappresentante o alla persona incaricata di ricevere le notificazioni o, in mancanza, ad altra persona addetta alla sede stessa" (Giudice di Pace di Nola - Sentenza del 27.06.2014).

Leggi tutto...
 

Cass.14635/14. Scopertura assicurativa di auto concessa in leasing: responsabilità esclusiva dell'utilizzatore.

E-mail Stampa PDF

In caso di violazione delle norme sulla circolazione commesse dal conducente di un veicolo concesso in locazione finanziaria, obbligato in solido con il trasgressore per il pagamento della sanzione pecuniaria nonché responsabile in solido con il conducente ai sensi dell'art. 2054 terzo comma, cod.civ. è esclusivamente l'utilizzatore del veicolo e non anche il proprietario concedente, vertendosi, ai sensi dell'art. 91, comma secondo, nuovo cod. strad. e 196 C.d.S., in ipotesi di responsabilità alternativa e non concorrente, poiché solo l'utilizzatore ha la disponibilità giuridica del godimento del bene e quindi la possibilità di vietarne la circolazione. Ne consegue che questi, al pari dell'usufruttuario e dell'acquirente con patto di riservato dominio risponde in tali casi di un debito proprio per fatto altrui, cosicché in caso di danni da circolazione di un veicolo concesso in leasing, ai sensi dell'art. 23 legge 990 del 1969, il responsabile, litisconsorte necessario nell'azione diretta contro l'assicuratore è esclusivamente il lessee (utilizzatore) e non il lessor (concedente), contrariamente a quanto avviene in ogni altra forma di locazione (Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 27 giugno 2014, n. 14635)

Leggi tutto...
 

Cass.16402/2014. Notifica eseguita nel domicilio dal quale il destinatario si è trasferito: nullità non inesistenza.

E-mail Stampa PDF
Con la sentenza che segue la Corte di Cassazione dopo aver ribadito il principio secondo il quale  la notificazione d'un atto processuale è inesistente solo quando avvenga in luogo "non avente alcun collegamento con il destinatario della notificazione stessa essendo a costui del tutto estraneo", ha affermato che nel caso in cui l'atto venga notificato in un domicilio dal quale il destinatario assuma di essersi trasferito, la notificazione deve ritenersi nulla (e non inesistente) tutte le volte che l'ufficiale giudiziario attesti, nella relazione di notificazione, la permanenza d'una relazione tra il luogo della notificazione ed il destinatario di essa (Corte di Cassazione, III sez. civile,  sentenza  17 luglio 2014, n. 16402).
Leggi tutto...
 

Cass. 13037/2014. Semaforo rosso: requisito della specificità

E-mail Stampa PDF

Il requisito della specificità dell'atto di accertamento deve dirsi osservato per il tramite dell'indicazione del giorno e dell'ora, della natura della violazione, del tipo e della targa del veicolo, nonchè della località del verificarsi del fatto, senza necessità di ulteriori indicazioni non indispensabili ad assicurare il diritto di difesa dell'incolpato e ciò, in quanto l'infrazione deve essere contestata in breve periodo di tempo, entro il quale può aversi ancora un collegamento mnemonico con il fatto ascritto, così che il soggetto è in grado, anche con la semplice indicazione della via, di sostenere e provare che la sua vettura non si trovava affatto in detta località (Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, ordinanza n. 13037 del 10 giugno 2014)

Leggi tutto...
 


Pagina 1 di 67
Totale Visite Sito : 3423496


Giudice di Pace

Eventi Formativi

<<  Lug 2014  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
151617181920
21222324252627
28293031   

Un brocardo al giorno...

Prior in tempore, potior in iure.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione