AvvocatiOttaviano.it

Il sito degli avvocati del Mandamento di Ottaviano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Benvenuto in AvvocatiOttaviano.it


Avvocati ex Mandamento di Ottaviano (Na)

(Terzigno - San Giuseppe Ves.no - Ottaviano)

 

Cass. 13184/2015. L'invito del liquidatore a sottoporsi a visita medica non interrompe la prescrizione.

E-mail Stampa PDF

Con la sentenza che segue, la Corte di Cassazione ha affermato che alla visita richiesta dal liquidatore non si può  attribuire il carattere di un riconoscimento del diritto del danneggiato ad ottenere l'indennizzo richiesto. La prescrizione è interrotta dal riconoscimento del diritto da parte di colui contro il quale il diritto stesso può essere fatto valere. Occorre, pertanto, che il riconoscimento provenga dal soggetto che abbia poteri dispositivi del diritto e non già da un terzo, che non sia stato autorizzato dal primo a rendere tale riconoscimento: riconoscimento che deve essere univoco ed incompatibile con la volontà di negare il diritto stesso là dove il semplice invito a sottoporsi a visita medico-legale  costituisce una mera tappa della procedura di liquidazione che non è incompatibile con la volontà di avvalersi della causa estintiva del diritto vantato (Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 26 giugno 2015 n. 13184)

Leggi tutto...
 

Cass. 13215/2015. Il danno da fermo tecnico può essere liquidato anche in mancanza di prova specifica

E-mail Stampa PDF

Il c.d. danno da "fer­mo tecnico", patito dal proprietario di un autoveicolo a causa della impossibilità di utilizzarlo durante il tempo necessario alla sua riparazione, può essere liquidato anche in assenza d'una prova specifica, rilevando a tal fine la sola circostanza che il danneggiato sia stato privato del veicolo per un certo tempo, anche a prescindere dall'uso effettivo a cui esso era destinato. L'autoveicolo, infatti, anche durante la sosta forzata è una fonte di spesa per il proprietario (tenuto a sostenere gli oneri per la tassa di circolazione e il premio di assicurazione) , ed è altresì soggetto a un naturale deprezzamento di valore (Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza del 26 giugno 2015 n. 13215).

Leggi tutto...
 

Cass. 16181/2015. Il trasportato non deve provare le modalità del sinistro. Il caso del trasportato proprietario del veicolo

E-mail Stampa PDF

Con la sentenza che segue, la Corte di Cassazione ha affermato che il terzo trasportato per essere risarcito dall'impresa di assicurazione del veicolo del quale era a bordo al momento del sinistro deve fornire la prova di aver subito un danno a seguito del sinistro, ma non delle modalità dell'incidente al fine di individuare la responsabilità dei rispettivi conducenti. Ha ribadito, inoltre, la Corte che, alla luce della giurisprudenza della Corte di giustizia dell'Unione Europea (sentenza 1 dicembre 2011, Churchill Insurance/Wilkinson), secondo il principio solidaristico "vulneratus ante omnia reficiendus", il proprietario trasportato ha diritto, nei confronti del suo assicuratore, al risarcimento del danno alla persona causato dalla circolazione non illegale del mezzo, essendo irrilevante ogni vicenda normativa interna e nullo ogni patto che condizioni la copertura del trasportato all'identità del conducente ("clausola di guida esclusiva").(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza 30/07/2015 n. 16181/15).

Leggi tutto...
 

L'apparecchio satellitare non registra il sinistro: quale valore probatorio? (M.Cuomo)

E-mail Stampa PDF

L'apparecchio satellitare registra le accelerazioni che si determinano nella circolazione stradale, quando queste siano riferibili, per intensità ed intervallo in cui si verificano, ad un urto, e quindi superano anche la soglia minima, stabilita in 2g. Nella sentenza in commento, il Giudice di Pace, tenuto conto del danno di lieve entità, ha ritenuto che la mancata registrazione del sinistro da parte del sistema satellitare in uso alla vettura danneggiata non assume alcun rilievo probatorio, affermando, inoltre, che la mancata allegazione di tutti i rilevamenti precedenti al sinistro non consente di ritenere provata la perfetta efficienza della strumentazione, sebbene per il giorno del sinistro, la registrazione costante dei dati di posizione e di utilizzazione della vettura, proverebbero che esso non ha mai smesso di funzionare  (Giudice di Pace di Nola - sentenza 19 giugno 2015).

Leggi tutto...
 

Danno biologico di lieve entità: aggiornamento 2015

E-mail Stampa PDF

Il Ministero dello Sviluppo Economico con decreto del 25/06/2015 pubblicato sulla G.U. n. 162 del 15 luglio 2015 ha aggiornato, riducendolo, l' importo del primo punto di invalidità - ai fini del calcolo del danno biologico di lieve entità ex art. 139 del D.Lgs.209/2005 - ad euro 793,52 (795,91) mentre l'importo relativo alla ITT è pari ad euro 46,29 (46,43) (vedi tabella).

 


Pagina 1 di 81
Totale Visite Sito : 5950699


Giudice di Pace di Nola

Eventi Formativi

<<  Set 2015  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
282930    

Un brocardo al giorno...

Contra iuris civilis regulas pacta conventa rata non habentur.

Inveni nos in Facebook

Facebook Image

Accesso-Registrazione

logo.png